Mixed Media Portrait inspired by Barry McGee!

| | ,

Inspired by the works of Barry McGee, we have made some portraits and we have combined them with surfaces made at ​​collage in style “optical art”. We used colored card and we drawn the portraits with black and white markers. The funny thing is to convince students that the portraits should be ugly, not necessarily similar, full of wrinkles and expression, in the graffiti-style of Barry McGee!

is possible to paste a worksheet or a photocophy with lines
on the colored cardboard, to help cut shapes properly
You can copy the face from any photograph,
is not important the resemblance!
You can even copy an ancient portrait (do you recognize Henry VIII?)
Paste the cardboards with nice composition of colours!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Previous

AZION…ARTI: another amazing italian Art Ed Blog

Words & ink

Next

16 thoughts on “Mixed Media Portrait inspired by Barry McGee!”

  1. Grazie Rossella!! sono molto contenta di conoscerti!! Sei un'insegnante anche tu? una studentessa o un'appassionata di arte e di educazione, o una mamma creativa?Grazie del tuo commento in ogni caso, ti auguro un bellissimo Natale!! Keep in touch!

    Reply
  2. Buongiorno Miriam, complimenti per il tuo lavoro così importante per la formazione e lo sviluppo della creatività dei ragazzi. Volevo sapere se conosci e adoperi dei libri di testo di "arte e immagine" con i tuoi studenti e se puoi indicarmi i più validi. Grazie e buon lavoro!Anna

    Reply
  3. Ciao Anna! Conosco il libro Arte e Immagine e lo ritengo un buon libro di testo. Credo che il testo di storia dell'arte sia ben organizzato e sintetico nei contenuti… per la scuola media può andare bene… ci sono moltissimi libri validi e meno validi ma io sono una sostenitrice di una "scuola senza cartella" dove la storia dell'arte si insegna sulle immagini attraverso il web… purtroppo in Italia siamo ancora lontani da una scuola dove le cartelle dovrebbero pesare molto meno e gli alunni dovrebbero uscire dalla scuola con teste ben fatte e non solo ben "piene"! In ogni caso il libro delle tecniche spesso è inutile, le tecniche artistiche vanno sperimentate, non studiate sui libri… e quindi il cosiddetto libro A di solito non lo faccio portare a scuola. Per la storia dell'arte sai anche tu che il tempo è ridottissimo (se si fa tanto laboratorio non c'è molto spazio per la teoria) e il libro serve agli studenti solo per avere sottomano i dati essenziali e soprattutto le immagini… quindi secondo me sono da evitare i libri che pretendono di insegnare la storia dell'arte alle medie come se si fosse alla scuola d'Arte o a un corso universitario… siamo tra gli unici docenti che hanno il privilegio di far usare le mani ai propri studenti e per moltissimi le scuole medie sono l'ultimo posto al mondo dove avranno l'occasione di fare un dipinto, un collage o un oggetto in creta perchè poi prenderanno altre strade e faranno altre scelte che li allontaneranno dal mondo dell'arte… allora io credo che la magia di creare qualche cosa con le tue mani va trasmessa il più possibile ai nostri adolescenti. tu come la pensi?? Comunque piacere di conoscerti Anna e grazie del commento!!

    Reply
  4. Grazie della risposta. Penso che hai perfettamente ragione sull'insegnamento della storia dell'arte, il più possibile dinamica e sperimentata in prima persona attraverso tecniche e sviluppo di alcuni temi. Riguardo l'allontanarsi dal mondo dell'arte, dubito che i tuoi allievi lo faranno! nel senso che sono convita che con il tuo accurato lavoro stai passando un mezzo espressivo in più che gli aiuterà a comunicare per sempre.Un abbraccio dall'Italia!Anna

    Reply
    • Hi Patricia! Your suggestion is really interesting! Margret Killgalen has more and more shapes, inscriptions, plants, animals… and figures are so simple, available for kids! I like her work! Thanks for the idea 🙂

      Reply

Leave a Reply

%d bloggers like this: