Il mio nome in prospettiva

| | , ,

20mag14_8

Dopo aver sperimentato la prospettiva centrale, con i ragazzi di seconda abbiamo lavorato sulla prospettiva accidentale, immaginando di costruire un’enorme architettura con il nostro nome. Seguendo le regole della prospettiva con due punti di fuga, abbiamo disegnato le lettere tridimensionali e poi le abbiamo colorate con pennarelli e matite. Per far sembrare le parole come delle grandi architetture abbiamo aggiunto un orizzonte, un cielo sfumato, una strada in prospettiva e delle piccole persone che passeggiano di fronte alle lettere monumentali.

26magg14_44

5giu14_60

26magg14_47

26magg14_48

26magg14_41

26magg14_49

26giu14_8

26giu14_96

26giu14_32

26giu14_29

26giu14_33

26giu14_24

26giu14_97

26giu14_25

26giu14_30

26giu14_28

26giu14_27

26giu14_31

26giu14_22

26giu14_23

26giu14_34

Precedente

Tecnica Mishima: sperimentazioni in nero e rosso

I magici mondi di Paul Klee

Successivo

25 commenti su “Il mio nome in prospettiva”

  1. Pingback: branded products
  2. Pingback: this page
  3. Pingback: promotional items
  4. Pingback: builder
  5. Pingback: TI construction
  6. Pingback: promo items

Rispondi