Tecnica Mishima: sperimentazioni in nero e rosso

23giu2013_75

Non posso spiegare quanto sono rimasta affascinata da questa tecnica orientale di origine giapponese realizzata con gli ingobbi colorati. Sto ancora sperimentando ma trovo che sia straordinario l’effetto delle incisioni riempite con l’ingobbio nero… Qua sotto vediamo la lavorazione a crudo, un’immagine di una ciotola dopo la prima cottura e le restanti fotografie dei pezzi invetriati.

17giu13_5

12giu13_32

23giu2013_68

23giu2013_69

23giu2013_70

23giu2013_71

Comments

  1. Emanuela Montagnani says

    .Molto bello!Per riassumere mi pare di capire,..incisione a durezza cuoio,rempimento con colore,cottura e finitura cristallina.Giusto?

    • sì, dopo il riempimento con colore (ingobbio nero) però va graffiato via il colore in superficie in modo che resti solo quello nei solchi. Si può usare una spatolina di acciaio di quelle tipo mezzaluna morbida

  2. Scusa, ma non ho capito bene…. incisione a durezza cuoio, e poi riempimento colore, pulizia e cristallina , una sola cottura?Forse è una domanda stuidina, ma sono alle prime armi…Grazie

    • Ciao Gabriele, domanda lecita invece 😉
      In realtà le cotture sono due. Prima si lavora sul pezzo crudo incidendo, riempiendo di colore e togliendo il colore in eccesso in modo che resti solo dentro i solchi. Finita questa prima fase si fa la prima cottura per cuocere il pezzo a biscotto. Poi il biscotto si copre con la cristallina (io faccio a immersione) e si procede con la seconda cottura. Chiedi pure se hai altre domande

Rispondi a Emanuela Montagnani Annulla risposta

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.