Monostampe ispirate a Cézanne

| | , , ,

monoprint cezanne 3C

Un’interessante esperienza, sperimentata con la classe 3°C, è stata quella di realizzare delle monostampe da fogli di acetato, ispirate alle nature morte di Cézanne. La matrice di stampa si realizza disegnando su fogli di acetato trasparente con dei normali pennarelli. La trasparenza permette di copiare qualsiasi opera d’arte sovrapponendo l’acetato ad una immagine a colori. Abbiamo scelto Cézanne per i suoi colori vivaci, per le sue forme semplici e riconoscibili, e abbiamo scelto alcuni dettagli delle sue nature morte. La monostampa si realizza premendo la matrice colorata su carta umida, in modo che il colore dei pennarelli si trasferisce completamente dall’acetato alla carta. I risultati sono molto interessanti. Per far capire meglio questa tecnica abbiamo realizzato un video, filmando le varie fasi del lavoro durante la lezione.

Puoi anche vedere il video su YouTube qui

28nov1_2

28nov1_3

28nov1_4

6squarecezanne monoprint monoprint cezanne

Precedente

Libretto stampato con Gomma Crepla

Gradazioni e silhouette con Gimp

Successivo

20 commenti su “Monostampe ispirate a Cézanne”

  1. Salve Miriam, sto provando a realizzare con i bambini di una scuola primaria questa monostampa: ho provato con vari tipi di carta (quella per fotocopie, un cartoncino leggero dalla parte opaca e sulla carta da pacchi bianca dalla parte non lucida). I risultanto sono diversi la sola difficoltà sta nei pennarelli che non si fissano, ma lasciano le goccioline, quindi ripassiamo più volte. Qualche suggerimento? ciao MTeresa

    Rispondi
    • Ciao Martina! L’acetato è quello normalissimo , quello che si usava una volta per le lavagne luminose, credo che costi anche pochissimo. I colori a pennarello in effetti scivolano molto quando si disegna sulla superficie, ma ho visto che più si mescolano tra di loro i colori, sovrapponendoli e impastandoli uno nell’altro, più l’effetto è morbido e brillante. Fammi sapere come è andata se ti capita di provare! 🙂

      Rispondi
  2. Ciao Miriam ho provato: avevo a casa un acetato con un lato ruvido di quelli spessi che ho riciclato dalla rilegatura di una tesina. Il pennarello non scivola via (é come usare i pennarelli sulla carta da lucido) e la stampa risulta bella piena.

    Rispondi
  3. ho replicato l’esperienza con risultati eccelsi, oltre all’entusiasmo dei ragazzi che hanno continuato a lavorare a casa. grazie tante

    Rispondi
  4. Sono rimasta estasiata!
    Mi è venuta una gran voglia di riproporlo ai miei alunni.
    Spero riescano a trovare l’acetato, siamo in un piccolo paese, chissà!
    Grazie per l’ottima idea.

    Rispondi
    • Ciao Sonia, insegni anche tu alle medie? I tuoi ragazzi si divertiranno vedrai! Per l’acetato lo trovi sicuramente on-line, fammi sapere come va la lezione!! 😉

      Rispondi
      • Purtroppo i pennarelli scivolano sull’acetato.
        Proverò a trattare l’acetato con sgrassatore.
        Prima esperienza alle medie dopo decina di anni alle superiori.
        Molto bello il tuo blog, complimenti.
        Ho provato in una terza il paesaggio fauves con le fotocopie…un successone!

        Rispondi
        • Brava Sonia! Io non ho mai insegnato alle superiori, se non in una breve esperienza in Inghilterra, e mi piacerebbe molto… magari in un Liceo Artistico! Penso che sia molto difficile passare dalle Superiori alle medie ma se si propongono attività pratiche nuove i ragazzi danno molte soddisfazioni! Buon lavoro a te! 🙂

          Rispondi

Rispondi a Loredana Annulla risposta