Bicicletta a texture

| | ,

la bici della 1D

la bici della 1C


Gli alunni delle classi prime hanno decorato con texture alcuni dettagli del disegno di una bicicletta. Ognuno ha scelto un particolare e ha colorato ogni area con i pennarelli colorati, inventando le più svariate texture grafiche per riempire il disegno.
I disegni sono stati poi ricomposti per ottenere la sagoma della bicicletta, in una esplosione di colori e forme… allora, ci facciamo una pedalata? I fogli di lavoro si possono trovare QUI.

25set13_28

7ott013_15

7ott013_14

9ott13_45

7ott13_16

Qui sotto aggiungiamo la foto di una nuova “bici”: quella realizzata dagli alunni di 1B della Scuola Media  “Alessandro Volta” di Collemarino (An) con la professoressa Morresi. Bravi ragazzi!
bici ancona

Un’altra idea arriva dalla professoressa Giusy Carolfi, docente di Arte e Immagine presso la Scuola Secondaria di I grado Don Lorenzo Milani di Lodi.  Per l’ occasione di un avvenimento importante promosso dalla  scuola che ha coinvolto moltissime associazioni sportive del  territorio Giusy ha pensato di utilizzare questi  fogli di lavoro.  L’avvenimento, chiamato “Bicicletta Energiadi”, è stata una tre giorni di maratona su delle biciclette installate nella palestra per produrre Energia.

Ogni classe ha costruito una bici a tema in risposta alla domanda da dove si ottiene l’ Energia?
– Classi prime energia dal riciclo;
– Classi seconde energia dal cibo [Arcimboldo naturalmente]-
– Classi terze energia della mente
Ad ogni classe è stato assegnato il pacchetto dei fogli di lavoro. Ad ogni studente è stata assegnata una parte [se gli studenti erano più di 20, hanno lavorato a coppie] e una volta concluse le varie parti sono state assemblate per formare la bici. Ecco qui sotto gli elaborati realizzati con diverse tecniche e materiali.
        
Precedente

Ritratto ispirato ai dipinti di Erik Jones

Meno chiacchiere, più ARTE!

Successivo

16 commenti su “Bicicletta a texture”

  1. Interessante! Potrei farlo fare ai miei ora che abbiamo finito la teoria dei colori e cercavo appunto qualcosa per far utilizzare i colori complementari.
    Ma il disegno della bici come l’hai fatto? Hai fornito loro direttamente le copie?
    Grazie mille!

    Rispondi
    • Ciao Eleonora! Ho fatto delle fotocopie ingrandite dei particolari di una bicicletta che ho trovato in internet (ti serve il link dell’immagine?) e poi li ho fatti colorare sulla fotocopia. L’altra possibilità è farli ricalcare l’immagine della bici su un foglio con il pennarello nero, in modo che ognuno si disegna il suo particolare della bici… fammi sapere come va! Se riesci mandami una foto dei lavori… sono curiosa!! 😉
      Grazie del commento e a presto!

      Rispondi
      • Prova a mandarmi il link, magari sei riuscita a trovare una foto con una definizione migliore di quella da me reperita. In realtà ho trovato due bici, una da uomo e una da donna, perché avendo una classe numerosa ho pensato di far due gruppi, appunto maschi e femmine. Però quando vado a prendere i particolari per ingrandirli almeno in formato A4, sono molto sgranati. Semmai li ricalcherò su un foglio!
        Dai, se riesco, molto volentieri ti mando le foto!

        Rispondi
          • Ciao, ho visto i lavori che proponete in questo sito…sono davvero fantastici e utilissimi per prendere spunto e far lavorare i ragazzi in maniera creativa. Mi piace molto l’idea della bici texturizzata, ma le immagini che trovo su internet sono molto piccole per ingrandirne poi i particolari. Ti chiedo se è possibile avere l’immagine che hai utilizzato…te ne sarei molto grata!!!

  2. Buonasera, bellissimo blog. Ho provato a fare in classe la bici..Un bel risultato…purtroppo non posso inserire qui sotto la foto..scuola media di Collemarino (Ancona). Grazie

    Rispondi
      • Ciao miriam, nel tuo blog si legge la passione e l’amore per quello che fai! Soprattutto si capisce quanto ti stia cuore la crescita culturale dei ragazzi che segui. Condivido con te pienamente questo atteggiamento ti seguo e spesso propongo delle attivita’ . Oggi, per festeggiare il carnevale la gioia dei colori l’ abbiamo tradotta in un’opera collettiva: ogni ragazzo aveva da realizzare un pezzo a conclusione degli argomenti inerenti colori superfici linee texture ecc.ecc. Con sorpresa alla fine attaccando ciascuno il proprio pezzo e’ comparsa ….una bellissima bici. Il lavoro a ritmo di rap ha preso proprio il titolo di un brano a loro caro….Pronti, partenza via!!!!!

        Rispondi
        • E brava Serena! Grazie del tuo commento e del tuo entusiasmo, sono sicura che i lavori che fai sono bellissimi e che i tuoi ragazzi si divertono e apprendono… si sente da ciò che dici!
          Teniamoci in contatto! 😉

          Rispondi
  3. Complimenti per la bella idea e per il bel sito! Mi piacerebbe provare con i miei ragazzi; potresti fornirmi il link all’immagine in HD della bicicletta? Anch’io ne trovo di molto sgranate non adatte ad un forte ingrandimento; grazie

    Rispondi
  4. Buongiorno,
    dal 7 al 11 aprile vorremmo sperimentare un periodo di mobilità sostenibile presso un plesso di Corsico.Stiamo preparando alcuni volantini, fatti dal Comitato Genitori per promuovere la settimana di “A scuola in bicicletta” e cercanodo una bella immagine ho trovato le vostre.
    Desidero sapere se è possibile utilizzare, a titolo gratuito, l’immagine della 1D. Vorremmo utilizzarala solo per fare un attestato da consegnare alla classe che sarà arrivata a scuola utilizzando tutti i mezzi tranne l’auto.
    Inoltre sarei anch’io interessata a capire come avete “costruito” questa bellissima bici!
    Grazie dell’attenzione
    Caterina

    Rispondi
    • Ciao Caterina! Per me va bene, potete usare l’immagine, se mi mandate la locandina dove verrà pubblicata magari faccio un post sulla pagina facebook di arteascuola e posso anche lineare la vostra bella iniziativa. Per la realizzazione della bici ogni ragazzo ha disegnato un particolare con texture a pennarello, come vedi nelle foto, e poi l’abbiamo riassemblata su un cartellone. é possibile anche unire le immagini con programmi tipo photoshop. Se ti va mandami la locandina all’indirizzo patermir@gmail.com 🙂

      Rispondi

Rispondi a serenasans Annulla risposta